Visitare L'Isola del Giglio


Tra storia e natura. Escursioni, laboratori, visite guidate

Prenota Tutte le info

Foto di Alex Catardi

L’ISOLA DEL GIGLIO

Seconda isola dell'Arcipelago Toscano per dimensioni, con una superficie di 21,2 kmq e un'altezza massima di 496 metri (Poggio della Pagana), l'isola del Giglio si trova a circa 20 km ad Ovest del Monte Argentario, a 18 km dall'isola di Giannutri. Inclusa nella provincia di Grosseto, costituisce con Giannutri un unico Comune. La popolazione di circa 1.550 abitanti è distribuita in tre piccoli centri: Giglio Castello, l'antico abitato medioevale sede del Municipio, dedalo di ripidi vicoli racchiusi da mura che culmina con la Rocca Pisana; Giglio Porto, l'approdo isolano, dove si trovano sepolte dalle abitazioni, i resti della villa romana appartenuta alla famiglia degli Enobarbi; Campese, antico insediamento minerario noto fin dalla preistoria per l'estrazione della pirite, si affaccia sulla più grande spiaggia dell'Isola.
Prevalentemente granitica per la presenza di un plutone magmatico di circa cinque milioni di anni, Giglio racchiude anche un frammento con più antiche rocce sedimentarie e metamorfiche; qui che si trovano i filoni di minerali ferriferi in passato oggetto di attività estrattiva.
Oggi ampie estensioni di macchia mediterranea ricoprono gli antichi terrazzamenti già coltivati a vigna. Rosmarino, elicriso, mirto, ginestre e cisti costeggiano i numerosi sentieri e boschi di leccio, un tempo utilizzati per produrre carbone, hanno riconquistato i due versanti dell'isola.
La vegetazione mediterranea ospita piccoli roditori, conigli selvatici, mufloni e il discoglosso sardo, raro anfibio presente solo in poche isole; com'è raro anche il gabbiano corso, simbolo dal Parco. Ricca l'avifauna di passo con passeriformi e rapaci di molte specie.
Il mare gigliese è famoso per le acque cristalline con preziose praterie di Posidonia oceanica, che ospitano l'ormai raro cavalluccio marino, pareti verticali coperte di spugne azzurre, gorgonie rosse e gialle, intorno alle quali si sviluppa una ricca vita. In certi periodi dell'anno è possibile vedere balene, delfini e altri mammiferi marini.

Le Attività


All’isola del Giglio molte sono le occasioni di fruizione proposte dal Parco Nazionale: escursioni (in particolare il programma Walking Festival), visite guidate, attività per adulti e per bambini, conferenze tematiche.

ABBIGLIAMENTO E CONSIGLI PER LA VISITA

Viste le caratteristiche dell’Isola e della visita guidata si indicano di seguito comportamenti e accorgimenti che consentono di vivere un’esperienza più soddisfacente:

  • Le escursioni possono essere effettuate solo se si è dotati di scarpe da ginnastica con suola scolpita. Il giudizio sull'adeguatezza delle calzature è a carico della Guida ed è insindacabile.
  • L’abbigliamento deve essere comodo e leggero. In bassa e media stagione è opportuno vestirsi a strati per adattarsi alle variazioni meteo tipiche delle isole ed è consigliato avere con sé una giacca antivento.
  • Sono consigliate calze tecniche per evitare eccessiva sudorazione.
  • Sono consigliati bastoncini trekking; possono essere utili, soprattutto per l’equilibrio e rappresentano un ottimo modo per scaricare parte del peso sulle braccia diminuendo il carico per gambe e spina dorsale, specie se in spalla si è dotati di uno zaino.
  • E’ vivamente consigliato essere dotati di cappellino per il sole e di crema solare.
  • E’ importante essere dotati di sufficiente scorta di acqua. Ogni partecipante dovrà organizzarsi per il proprio pranzo scegliendo se consumarlo al sacco o appoggiandosi al piccolo locale sulla spiaggia.
  • E’ consigliabile uno zainetto per escursioni con tutto il necessario per l’escursione (acqua, cibo, abbigliamento di scorta, cappello, crema solare, macchina fotografica, binocolo, taccuino, etc).
  • E’ consigliabile dotarsi di binocolo e taccuino e matita per registrare le eventuali osservazioni naturalistiche
  • E’ obbligatorio seguire attentamente le istruzione della Guida responsabile del gruppo.

Contatti